Corsi annuali

Attività didattica di alta formazione e perfezionamento

L’Accademia si colloca a pieno titolo tra le scuole di perfezionamento musicale più importanti del paese, grazie alla sua proposta di didattica specialistica orientata alla professione, con docenti di primissimo piano nel panorama concertistico internazionale.

Corsi annuali



Borse di studio Open Source

più

Master classes

Masterclass e Workshop in Accademia
ANNO ACCADEMICO 2016/2017
 

 

Masterclass svolte

Michele Marvulli, giugno 2017

Benedetto Lupo, giugno 2017

Roberto Plano, maggio/giugno 2017

Marina Scalafiotti, maggio/giugno 2017

Pavel Gililov, maggio 2017

 

 

Andrea Lucchesini, aprile 2017

 

Roberto Prosseda, marzo 2017

 

INCONTRO 
"VALUTAZIONE DELL’ATTIVITA’ MUSCOLARE DEI MUSICISTI"
prof. Roberto Merletti, marzo 2017

Benedetto Lupo, dicembre e febbraio 2016

Alessandro Carbonare, dicembre 2016 

Maria João Pires, novembre 2016

  

Pavel GILILOV, maggio 2016

Guarda il video


Andrea LUCCHESINI, maggio 2016

Guarda il video


Andrea Lucchesini,
maggio 2014

Kai Gleusteen, giugno 2014



più

About

Inaugurata formalmente il 14 ottobre 2000, ma attiva sin dal 1998, l’Accademia di Musica intende promuovere e sensibilizzare alla cultura musicale e si propone:
a)       la diffusione della cultura musicale e la valorizzazione di giovani musicisti e della loro opera: in tal senso l’Associazione promuove la cultura musicale tramite corsi, seminari di studio, incontri con concertisti, docenti e noti personaggi attivi nel campo musicale, pubbliche conferenze ecc.;
b)      l’organizzazione di spettacoli, concerti, corsi di perfezionamento musicale, concorsi, festival ecc.;
c)       l’organizzazione di incontri con la scuola, gli studenti e gli insegnanti al fine di elevare la conoscenza della musica nei ragazzi;
d)      l’organizzazione di incontri con i cittadini che intendono avvicinarsi al linguaggio musicale;
e)       la ricerca storica in ambito musicale.

Presidente
Giorgio Bresso

Consiglio di Amministrazione
Carlo Brignone
Augusto Buscaglia
Ezio Giai
Alberto Occelli
Agnese Paolasso
Giorgio Pugliaro
Laura Richaud
Federico Spinola

Direzione Artistica
Laura Richaud

Segreteria artistica
Cinzia Conti

Responsabile amministrazione
Alessandra Sciabica

Segreteria amministrativa
Noemi D’Agostino

Promozione e comunicazione web
Paola Bologna

 

Attività dell’Accademia

E’ articolata in tre settori principali:
a)  Attività didattica in ambito musicale
b) Concorsi internazionali di esecuzione musicale
c)  Stagione concertistica

L’attività didattica ordinaria è a livello di alta specializzazione (universitario, post-universitario), pur confermando la possibilità di partecipazione alle attività formative per gli allievi giovani e giovanissimi particolarmente dotati. L’Accademia di Pinerolo vuole ribaltare innanzi tutto il rapporto tra insegnante e allievo, mettendo quest’ultimo al centro logico e fisico dell’attività. Rivendicando l’assoluta centralità dell’allievo nel progetto didattico, si intende costruire un suo curriculum formativo volto a esaltarne le caratteristiche personali e a svilupparne le capacità espressive della personalità artistica. Sotto il profilo operativo è dunque prevista una articolazione integrata tra: Didattica curricolare, Didattica specifica, Test formativi, Attività concertistica. Dopo anni di lavoro e di esperienza didattica, si è evidenziata l’esigenza nei nostri studenti di creare possibilità di confronto, di arricchimento e di collaborazione tra le varie scuole di pensiero. Dalla seconda metà del 2008 si sta creando in Accademia un polo culturale didattico con i maggiori esponenti delle varie scuole pianistiche italiane (progetto unico in Italia).

Per i Docenti dell’Accademia di Musica clicca qui

La scuola ha coinvolto allievi provenienti per la maggior parte dall’Italia ma anche dalla Spagna, Russia, Brasile, Polonia, Croazia, Germania, Bulgaria, Belgio, Giappone. All’attività didattica regolare, distribuita lungo tutto l’anno accademico, si affiancano periodicamente momenti di approfondimento specifico: le master-class danno l’opportunità, sia agli allievi dell’Accademia sia ad allievi esterni, di confrontarsi con i Docenti ospiti.

Lo stretto collegamento tra docenti e allievi, da sempre un punto di forza dell’Accademia, si concreta dal 2005 anche nell’organizzazione di una “Giornata dell’Accademia” in cui fare collegialmente un consuntivo dell’attività svolta e una programmazione delle iniziative future. In tal senso si collocano anche gli appuntamenti concertistici che riuniscono docenti e allievi, come il Festival dell’Accademia.

Attività didattica estiva. Lo scopo è quello di offrire, nell’ambito di Musica d’Estate, la presentazione concertistica (35 appuntamenti) del lavoro svolto durante l’anno e favorire inoltre un momento di scambio di esperienze didattiche fra docenti e allievi. Gli studenti dei corsi liberi di Musica d’Estate (circa 140 allievi) possono anche assistere come uditori a tutte le attività didattiche e concertistiche che si svolgono in tale periodo. L’obiettivo è di realizzare un coinvolgimento di istituzioni anche a livello europeo. Dal 2005, all’interno di Musica d’Estate, è stato organizzato organizzato il Festival di Musica d’Estate: cinque appuntamenti concertistici affidati ai docenti e ad artisti ospiti (tutti concertisti di fama internazionale), in modo da consolidare una manifestazione musicale di rilievo esecutivo ancora maggiore, in grado di rispondere alle richieste e alle aspettative del pubblico, in continuo aumento nel corso delle ultime edizioni.

La manifestazione ha compreso anche la presenza dell’Orchestra della Scuola di Musica di Fiesole, la più importante istituzione italiana che provveda alla formazione dei musicisti fin dall’età infantile e giovanile alla pratica orchestrale. Inoltre l’Orchestra da Camera Accademia è ormai ospite fissa della manifestazione. Le Orchestre tengono alcuni dei concerti inseriti nel Festival e alcuni gruppi interni sono protagonisti delle Passeggiate musicali, che si svolgono in alcuni dei luoghi storico-artistici più suggestivi del comune di Bardonecchia come la Cappella Notre Dame du Coignet, la Cappella di San Sisto, il Forte Bramafam e la Tur d’Amun. L’idea delle Passeggiate, già proposta negli anni passati, è stata concepita come momento in cui la musica unisce a sè la natura, il paesaggio e l’architettura per valorizzare al meglio ognuno di questi aspetti.

Lezioni – conferenza. Incontri tenuti dal corpo docente dell’Accademia, dagli artisti della Stagione Concertistica e da docenti esterni rivolti agli insegnanti e agli studenti delle scuole elementari e medie inferiori e superiori. Questa attività di formazione musicale, rivolta all’ambiente scolastico, accoglie la richiesta di alfabetizzazione musicale e di condivisione culturale che giunge dalla società stessa. Si è creato un team di insegnanti delle varie scuole che collaborano con l’Accademia all’organizzazione di tali incontri. L’attività si è attestata, negli ultimi anni, attorno alle 1000 presenze annuali.

Il Concorso Internazionale di Musica “Città di Pinerolo”. Nel corso di quasi vent’anni il Concorso, nelle sue varie forme, ha costruito un rapporto importante e profondo con la nostra Città. Un vero e proprio radicamento, che si manifesta in modo capillare con la straordinaria accoglienza che le famiglie del Pinerolese accordano ogni anno alle ormai centinaia di concorrenti giunti da tutto il Mondo. Nell’ultima edizione 2013, dedicata alla musica da camera, sono arrivati veramente da ogni angolo della terra (oltre che dall’Italia, da Albania, Austria, Azerbaijan, Armenia, Blegio, Bielorussia, Brasile, Bulgaria, Cina, Corea, Croazia, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Irlanda, Israele, Lettonia, Lituania, Malesia, Olanda, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Serbia, Spagna, Svizzera, Stati Uniti d’America, Taiwan, Ucraina, Ungheria).

L’altro fronte, solidissimo, da cui deriva la nostra reputazione internazionale, è costituito dal prestigio e dalla trasparenza assoluta nell’operato delle Giurie, i cui componenti sono impegnati in un lavoro sempre molto intenso, visto l’altissimo numero di partecipanti delle ultime edizioni. Con il lavoro delle Giurie, dei Concorrenti e dell’organizzazione viene costruito un risultato artistico della manifestazione, proposto all’attenzione di tutti lungo le varie prove e specificatamente nel Concerto dei Vincitori, al quale la collocazione nel Teatro Sociale attribuisce particolare solennità e consente l’assegnazione diretta di un Premio del Pubblico..

Infine è certo motivo di ancora maggior orgoglio per la Città di Pinerolo l’ammissione nel selezionatissimo consesso della Federazione Mondiale dei Concorsi Internazionali di Musica di Ginevra, membro del International Music Council (UNESCO).

La Stagione Concertistica prevede una serie di concerti (di cui la maggior parte in abbonamento e alcuni ad ingresso gratuito), che si svolgono da ottobre a maggio nella sala “Patrizia Cerutti Bresso” dell’Accademia di Musica e presso il Teatro Sociale di Pinerolo, con la partecipazione di artisti di fama internazionale (Salvatore Accardo, Joaquín Achucarro, Emanuele Arciuli, Antonio Ballista, Mario Brunello, Bustric, Bruno Canino, Gianluca Cascioli, Michel Dalberto, Pietro De Maria, Enrico Dindo, Rocco Filippini, Gli 8 violoncelli di Torino, Aleksey Igudesman e Richard Hyung – Ki Joo, Alexander Lonquich, Andrea Lucchesini, Louis Lortie, Benedetto Lupo, Gerhard Oppitz, Enrico Pace, Giorgio Pestelli, Daniele Pollini, Enzo Restagno, Massimo Quarta, Danilo Rossi, Dora Schwarzberg, Uto Ughi, Altenberg Trio, Trio Debussy, Quartetto d’Archi di Torino, Quintetto di Ottoni della RAI, Orchestra d’Archi Italiana, I Solisti dell’Olimpico, Orchestra Filarmonica di Torino, United Europe Chamber Orchestra, per citarne solo alcuni) che propongono repertori classici così come programmi innovativi; viene però anche dato spazio a giovani promesse che, essendo inserite in una stagione che annovera artisti così importanti, traggono grande vantaggio per la loro carriera. Il pubblico che interviene ai concerti è formato sia da amatori consolidati della musica, sia da giovani di varie fasce d’età e questo grazie ai rapporti con le scuole di Pinerolo che partecipano, durante l’orario scolastico, alle lezioni-concerto che l’Accademia organizza per loro ma anche grazie all’ospitalità all’interno delle famiglie pinerolesi durante lo svolgimento del Concorso che, a nostro parere, favorisce l’integrazione tra l’istituzione, la sua attività e il territorio circostante.

Biblioteca e mediateca. La struttura della biblioteca e della mediateca, pensata come integrazione specialistica nell’ambito musicale degli organismi pubblici già esistenti (Biblioteca Civica), intende rendere territorialmente disponibile ogni risorsa utilizzata ai fini didattici; gli incontri a carattere seminariale, tenuti da Giorgio Pugliaro, hanno come oggetto la discussione storica, musicale e interpretativa delle composizioni e degli autori studiati dagli allievi di tutti i corsi dell’Accademia. L’obiettivo è di offrire agli allievi un progetto didattico completo che favorisca anche maggiore consapevolezza nel metodo lavoro. Al momento attuale le donazioni già effettuate dal Rotary Club di Pinerolo, dal Teatro Regio di Torino, dalla dott. Susanna Franchi e dalle famiglie Marino – Veraguez e Albinolo e dott. Francesca Lorenzoni hanno portato alla Biblioteca dell’Accademia di Pinerolo circa 800 cd, 2000 lp 33 giri, circa 1500 libri di argomento musicale e circa 800 tra spartiti e partiture delle edizioni Henle. Presso la Biblioteca è inoltre ospitato il Fondo Dino Asciolla, per volontà della famiglia del grande violista italiano e grazie all’interessamento del maestro Danilo Rossi, suo allievo: comprende gli spartiti e le partiture con le diteggiature originali, oltre alla completa documentazione della sua attività concertistica.

Dal 2007 l’Accademia di Musica accoglie il Centro per la Documentazione delle Esecuzioni Musicali in Piemonte promosso dalla Regione Piemonte e diretto da Giorgio Pugliaro.

È ancora da segnalare che la donazione all’Accademia, da parte del dott. Giorgio Manfredi, di un fortepiano Striker del 1850, consentirà (dopo l’effettuazione di un restauro conservativo) l’istituzione di un corso di strumenti storici. Recentemente è stato donato, dalla signora Peggy Cavallo Perin, un pianoforte Pleyel di inizio ‘900, che va così ad arricchire la ricca dotazione strumentale, costituita da strumenti Yamaha (un pianoforte gran-coda F III, un pianoforte C7M, un C6M, 3 C3M e quattro pianoforti verticali).

Orchestra da Camera Accademia. L’Accademia di Musica ha sempre cercato di coltivare il talento dei propri allievi offrendo il miglior livello didattico, dove l’allievo è al centro del percorso formativo, ma creando anche un ambiente “famigliare”, stimolante e coinvolgente, dove l’allievo è accolto con la massima attenzione e cura. Il valore artistico, il talento e l’entusiasmo degli allievi dell’Accademia, hanno fatto sì che nascesse spontaneamente il gruppo orchestrale.

Il fine comune di tutti coloro che fanno parte dell’orchestra (l’Accademia, i membri stabili, i tutors, i docenti che collaborano al perfezionamento dell’Orchestra stessa) è quello di perseguire livelli di eccellenza nella preparazione dei programmi, di creare un gruppo di altissima qualità, di fruire del talento dei singoli membri per ottenere un insieme di assoluto valore artistico. L’attività orchestrale funge da completamento dell’intero percorso di studi che prevede, sicuramente, l’analisi e il perfezionamento del repertorio solistico ma, in questo modo, anche il confronto e l’approfondimento delle esecuzioni d’insieme.

Obiettivo fondamentale, con questi presupposti, è l’introduzione dei giovani artisti nel mondo del lavoro; in un ambiente difficile e competitivo, si intende proporre alta qualità, professionalità ed entusiasmo.

Lo spirito che muove il gruppo è quello di avere un fine comune, di sentirsi parte di un progetto unico, di condividere gli stessi valori, di eccellere non individualmente ma per l’insieme e come parte integrante di esso.

La maggior parte dei membri dell’Orchestra (allievi ed ex allievi) collabora già con importanti istituzioni, ensemble cameristici ed entità orchestrali (Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, Orchestra di Padova e del Veneto, Orchestra Rai, per citarne solo alcune) e questo certamente offre opportunità di lavoro, di esperienza, di crescita artistica e di confronto con varie e prestigiose realtà musicali, ma l’Orchestra dell’Accademia possiede un valore aggiunto: è sentita come propria e vissuta quindi con entusiasmo, maggior coinvolgimento e grande dedizione.

L’Orchestra ha già al suo attivo concerti che hanno riscosso grande successo di pubblico e critica, e può vantare la presenza e la collaborazione di importanti ospiti quali Riccardo Donati, Giampaolo Pretto e Uto Ughi.