Gabriele Biffoni, pianoforte

Nato a Roma nel 1992, rimane affascinato sin da giovanissimo dal mondo del pianoforte. Questa passione lo conduce a proseguire gli studi con il Maestro Alessandro Drago, sotto la cui guida si diploma da privatista in pianoforte nel 2013 al conservatorio Licinio Refice di Frosinone con il massimo dei voti e la lode.
Parallelamente al percorso musicale intraprende il percorso di Ingegneria delle Comunicazioni all'università Sapienza di Roma e consegue la laurea triennale nel 2014 con il massimo dei voti e la lode discutendo la tesi "Modellazione fisica di un pianoforte".
L’incontro trovato tra i due campi di studio scientifico e musicale lo porta ad approfondire le tematiche legate alla musica elettronica e all’audio digitale, partecipando a diversi workshop e frequentando per un anno il biennio di “Musica elettronica” presso il Conservatorio G. Verdi di Torino.
Nel 2013 si avvicina alla pianista Elizabeth Sombart e alla fondazione Résonnance, con la quale attualmente collabora offrendo regolarmente concerti gratuiti in diverse strutture "di solidarietà" (case di cura, ospedali e altre) e nella sede della fondazione a Roma. Di grande importanza nel suo perfezionamento musicale si sono rivelati la scoperta e l'approfondimento delle tematiche legate alla Fenomenologia del suono e del gesto teorizzate dal direttore d'orchestra Sergiu Celibidache, di cui Drago e Sombart sono stati allievi, e gli studi di composizione svolti con il Maestro Claudio Perugini.
Nel 2014 suona nel museo "Venanzo Crocetti" di Roma per la mostra "Ad Artem" a cura del critico d'arte Giorgio Palumbi. Ha inoltre suonato per gli “Amici della lirica” di Imperia, presso la sala Résonnance Italia, nel teatro “Keiros”, ai Musei Capitolini a Roma, nella sala “Patrizia Cerutti
Bresso” dell’Accademia di Musica di Pinerolo, all'auditorium San Francesco di Norcia, nella “Sala
Chopin” e presso la Cappella del Vasari di Sant'Anna dei Lombardi a Napoli, presso l'Accademia di
Fiesole, presso l'albergo Duomo e il Tempio San Giovanni Battista a San Gemini.
Nel 2016, in occasione del concerto “Musica nelle Parole” per la Strenna dei Romanisti, ha presentato brani originali composti da Enrico Morsillo e ispirati ai versi di Francesco Serrao, eseguendoli in prima assoluta di fronte al compositore e al poeta, vedendo anche la collaborazione del soprano Monica Marziota e del Maestro Andrea Lucchi alla tromba.
Ha partecipato a concorsi e premi pianistici e di musica da camera nazionali e internazionali.
Attualmente è iscritto al biennio di pianoforte ad indirizzo cameristico con il Maestro Claudio Voghera al Conservatorio di Torino e prosegue gli studi di perfezionamento in pianoforte con i Maestri Alessandro Drago ed Elizabeth Sombart e presso l'Accademia di Musica di Pinerolo con i Maestri Giovanni Doria Miglietta ed Enrico Pace.

Indietro